MAG Multimedia Academic Global

Regolamento europeo e disciplina privacy italiana

Classi interattive

Classe Interattiva è un ambiente di apprendimento che consente di avere un'interazione sincronica tra docenti e studenti senza più limiti di spazio e di tempo e di luogo.

Questo ambiente consente al docente di inserire e gestire studenti nella Classe Interattiva, da un minimo di uno ad un massimo di 250 studenti. 

Modalità di accesso

Docenti/Tutor Studenti
  1. Attivare il proprio account aprendo la pagina delle Opzioni (presente nella propria pagina del tutor) e cliccando il pulsante Attiva il tuo account per le Classi Interattive
  2. Scaricare il software Skype for Business dalla pagina di download software per Windows o download software per Mac
  3. Effettuare il login con le credenziali indicate nella pagina delle opzioni.
  4. Spuntare il Checkbox "mantieni l'accesso" per non dover inserire nuovamente username e password
  5. Effettuare la prima configurazione, per accedere all'ambiente di apprendimento sarà sufficiente cliccare sul link alla conferenza che puoi trovare in Agenda ad ogni nuovo appuntamento creato dal vostro Docente/Tutor.
  1. Nell'agenda o nella pagina dell'insegnamento, cliccare su "Accedi alla Classe Interattiva (nel caso una classe interattiva sia disponibile)
  2. Seguire le istruzioni del proprio browser per Scaricare ed installare la Web App di Skype For Business. Ai collegamenti successivi, confermare la dialog per avviare la Web App
  3. Inserire il proprio nome quando richiesto
  4. Attendete che il tutor accetti la vostra richiesta di partecipazione alla classe interattiva.

 

Modelli di insegnamento/apprendimento

Nelle Classi Interattive docenti e studenti sviluppano processi di apprendimento sperimentando una dimensione didattica immersivo-collaborativa. Gli studenti utilizzano strumenti interattivi, svolgono esercitazioni pratiche, prove di valutazione intermedie, simulazioni d’esame, dialogano e apprendono in modo cooperativo e collaborativo e diventano costruttori attivi di conoscenza.

Le Classi Interattive consentono a docenti e studenti diverse modalità di interazione didattica:

  • Flipped Classroom: prima della sessione gli studenti vengono indirizzati a documentarsi sugli argomenti legati alla discussione programmata, quindi studiano le videolezioni, i testi di riferimento, i libri, le dispense, gli articoli, i saggi, preparandosi in questo modo ad affrontare il dibattito con il docente-tutor. Nella seconda fase il docente-tutor pone domande agli studenti al fine di comprendere il loro livello di preparazione. In questa fase assumono più importanza le domande poste che le risposte, esse costituiscono le basi su cui si avvia la discussione, o meglio la disputatio. Con la disputatio – ispirata al modello didattico delle università medioevali e del dialogo socratico – si stimola un processo di apprendimento che nasce dal dialogo e dal confronto, si apprende dagli altri e si riflette sulle proprie idee. L’apprendimento diventa un processo che coinvolge lo studente nella riflessione e nell’elaborazione di molteplici prospettive e punti di vista. Si stimolano la creatività e il senso critico nell’approccio al sapere. Sono l’interazione, il dialogo e il confronto che aggiungono valore a questa tipologia di apprendimento (Garito, 2015);
  • Insegnamento di processi e procedure: il docente/tutor predispone uno spazio di lavoro che consentirà agli studenti partecipanti di operare praticamente su documenti e software preparati dal docente; nella prima fase della sessione, il docente/tutor mostra agli studenti procedure e processi specifici, utilizzando le funzionalità di condivisione di applicazioni integrata dal sistema di Classi Interattive; nella seconda fase, il docente/tutor propone agli studenti un momento di esercitazione in tempo reale in cui gli studenti replicano le procedure appena apprese con il supporto del docente; il docente/tutor interviene quando lo studente si allontana da ciò che prevede il modello esperto (Kass A., in Garito 1996);
  • Project work collaborativi: il docente/tutor predispone un’esercitazione in cui gli studenti sono chiamati a manipolare praticamente e in maniera collaborativa le conoscenze teoriche apprese; il docente condivide con gli studenti partecipanti lo spazio di lavoro predisposto, per attività che vanno dalla scrittura creativa collaborativa, alla realizzazione di un documenti tecnici (es.: business plan, piani marketing, analisi e report) in gruppo, al lavoro cooperativo su software tecnici specifici; il docente/tutor ad inizio sessione presenta l'esercitazione e condivide lo spazio di lavoro con gli studenti; inoltre, il docente concede il controllo dello spazio di lavoro, a turno, ad uno degli studenti, che opererà fisicamente sul software attivato, seguendo le indicazioni che emergono dalla discussione collettiva; il prodotto realizzato può essere ripreso nelle sessioni successive, mentre possono essere valutati sul sistema di tracciamento non solo il prodotto finale ma anche le singole “revisioni” create collaborativamente in ognuna delle sessioni;
  • Simulazione di prove d’esame: nelle ultime settimane di erogazione, quando gli studenti hanno acquisito un livello di preparazione adeguato, il docente/tutor organizza una prova d’esame simulata; il docente/tutor predispone un compito strutturato alla stessa maniera in cui saranno sviluppati i compiti d’esame; ad inizio sessione, il docente/tutor invia la prova a tutti gli studenti connessi e stabilisce il tempo di svolgimento, corrispondente a quello delle reali prove d’esame. Durante la prova d’esame, gli studenti possono chiedere aiuto sui temi specifici trattati, e il docente/tutor può spiegare nel dettaglio come affrontare gli argomenti o i problemi tecnici delle prove d’esame nella maniera corretta. A fine sessione, gli studenti consegnano su piattaforma le prove d’esame svolte, che verranno corrette dal docente/tutor, valutate sul sistema di tracciamento e discusse nella sessione di Classe Interattiva successiva.